gli stravizi a tavola si pagano anche ‘sulla pelle’

Impossibile resistere alla tentazione di spalmare su del pane casereccio uno strato goloso di gorgonzola alle noci o di mascarpone, di mangiare una fetta di panettone in più, impreziosito nel gusto da una generosa cucchiaiata di crema al cioccolato o allo zabaglione, così come di assaporare qualunque altra leccornia. Sei sorpresa che a risentire di questi strappi alla regola, non sia solo il peso ma anche la pelle che appare ‘infiammata’? è assolutamente normale: l’eccesso di grassi e zuccheri possono favorire la comparsa o il peggioramento di alcune condizioni su base infiammatoria, come l’acne o le dermatiti, o rendere la cute più grassa e lucida. Puoi rimediare? Sì, se la causa è stata la tavola, l”antidoto’ passa ugualmente da scelte alimentari adeguate con cibi ad azione detox.

Una relazione a doppio filo. Non ci sono più dubbi: la pelle subisce le conseguenze di quello che mangiamo. Se prima era solo un sospetto la liaison è oggi confermata da uno studio scientifico, partito circa tre mesi fa, dalla collaborazione della Clinica Dermatologica e drl dipartimento di Endocrinologia dell’Università Federico II di Napoli. Lo studio evidenzia che la dieta fa la differenza anche per la salute della pelle: un gruppo di pazienti affetti da patologie infiammatorie della cute sono stati invitati a cambiare alimentazione e a seguire regimi dietetici controllati, in particolare chetogenico, caratterizzato cioè da una drastica riduzione degli zuccheri, quindi anche di carboidrati, a favore dell’aumento di proteine e grassi, così da stimolare l’organismo a utilizzare i lipidi come fonte di energia. Ebbene? A seguito di questa dieta, e a riprova che gli zuccheri influenzano il ben-essere della pelle, si è osservato in questi pazienti un netto miglioramento delle manifestazioni cutanee. – Alcune particolari patologie come acne, psoriasi e idrosadenite suppurativa – spiega la Professoressa Gabriella Fabbrocini, direttrice dell’UOC di Dermatologia Clinica dell’Università di Napoli Federico II – sono strettamente legate ad alcune anomalie del metabolismo glucidico, come diabete e insulino-resistenza, a loro volta favorite da regimi alimentari ricchi di zuccheri, prodotti caseari e derivanti dalla carne rossa -.

Le azioni depurative. Se cibi grassi e zuccherosi, ipercalorici, si sono fatti largo durante le feste al posto di cibi sani e genuini come pesce, verdure, carni magre, frutta secca quali noci, nocciole e mandorle che con il contenuto di vitamina E aiutano a limitare i danni dai radicali liberi e a reidratare la pelle in modo equilibrato, frutta fresca di stagione come gli agrumi (arance, mandarini, clementine), ricchissimi di vitamina C e A, antiossidanti e minerali , o i kiwi, ricchi di fibre e vitamina C, mele e pere che contrastano i danni dei radicali liberi e lo stress ossidativo, non resta che attivare una azione detox, a partire dall’idratazione. – Bere molta acqua – chiarisce la Professoressa – contribuisce ad espellere le tossine e a purificare la pelle dall’interno. Mentre a tavola è bene privilegiare alimenti particolarmente utili per disintossicare la cute, dunque poveri di grassi saturi e ricchi di minerali e vitamine, quali verdure tra cui i carciofi che aiutano a depurare il fegato, i broccoli che garantiscono l’apporto di antiossidanti, le barbabietole che assicurano il pieno di vitamine e sani minerali, la frutta fresca ricca di fibre, che aiuta la pulizia del tratto intestinale. Tra i sapori non può mancare l’aglio, alimento strategico per aiutare il fegato ad eliminare le tossine -.

Un programma d’urto. L’alimentazione da sola non basta per depurare pelle e organismo, occorre agire più in ‘profondità ‘. – Dopo i giorni di maggior eccesso a tavola – conclude Fabbrocini – sarebbe bene avviare un vero e proprio programma mirato per la salute della pelle, prevedendo oltre alle buone abitudini a tavola, anche attività fisica e una routine di pulizia. Per esempio con dermocosmetici quali scrub e peeling, utili per eliminare le impurità accumulate sulla pelle, facendo attenzione alla scelta di prodotti rispettosi delle esigenze della propria epidermide -.

A cura di Francesca Morelli

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter di Italian Beauty Community, e ricevi direttamente nella tua casella di posta i nostri contenuti migliori!

Cliccando su "Iscriviti" acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali ai fini dell'invio della newsletter ai sensi di cui all'art. 2.2 della privacy policy
This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.