I Giovani e la paura del fallimento

Qual è il nuovo fenomeno che sta colpendo i giovani in Italia? E’ chiamato esaurimento da Burnout, ovvero stress cronico dei giovani. Ne vogliamo parlare meglio?

Menti giovani, vivaci, ma tanto fragili

Ti è mai capitato nella vita, o ti sta capitando, di fermarti un momento, riflettere, e capire se ciò che stai facendo per il tuo futuro ha un senso?

Tutti noi abbiamo passato quel periodo della nostra vita in cui ci sentiamo inadatti, o insoddisfatti, dove arriviamo ad un vicolo cieco in cui non sappiamo che cosa fare della nostra vita, se ciò che si sta facendo sia realmente ciò che vogliamo. I giovani di oggi sono mentalmente molto più sensibili e fragili, e tutto questo da che cosa deriva? Dalle forti pressioni sociali. Oggi siamo in una società definita ‘iperproduttiva’ , più fai, meglio fai, applicata in qualsiasi ambito.

A questo punto, come lo si può definire il giovane di oggi? Il giovane di oggi ha paura del giudizio, soprattutto dal punto di vista scolastico e lavorativo. Le aspettative e il senso di inadeguatezza sono tra i principali motivi riportati come cause legate al senso di ansia, così come le incertezze per il proprio futuro e le scadenze impellenti nello studio e nel lavoro.

Tutti questi disagi emotivi portano il giovane a vivere quello che definiamo ‘Burnout’ . Qualcuno di voi sta attraversando un momento simile?

Che cos’è il ‘burnout’ ?

Che cosa significa esattamente ‘Burnout’ ? E’ una sindrome legata allo stress lavoro-correlato, che porta il giovane all’esaurimento delle proprie risorse psico-fisiche, alla manifestazione di sintomi psicologici negativi (ad es. apatia, nervosismo, irrequietezza, demoralizzazione) che possono associarsi a problematiche fisiche (ad es. cefalea, disturbi del sonno, disturbi gastrointestinali etc.).

Ma perché ne soffrono principalmente i giovani? Perché nonostante i giovani possano sembrare vivaci e forti, questo mondo li spaventa. La pressione sociale porta la gioventù a retrocedere arrivando a pensare che quel che si sta affrontando è troppo grande, e dunque che non si è in grado di potercela fare.

Tanti giovani, in Italia, soffrono questo tipo di disagi emotivi, che possono avere ripercussioni sulla salute, a scuola, all’università o sul luogo di lavoro.

Una volta arrivati a questa fase, cosa succede alla mentalità giovanile? Ci si abitua a una condizione stressante e passiva. Chi si sente così?

Dati, dati per certi

Chi è la fonte che conferma questo alto tasso di burnout tra i giovani? I dati arrivano dall’Osservatorio WellFare. Che cos’è? è una piattaforma disponibile ad offrire spazio ai giovani ed è stata creata dal Consiglio Nazionale dei Giovani con l’obiettivo di guidare le istituzioni in una riflessione profonda sulle molteplici criticità legate alla salute mentale, relazionale, sociale, fisica e creativa dei giovani italiani. Qual è il risultato che ne è stato tratto? Il giovane, oggi, sta affrontando uno stato allarmante. Perché se la vita, anche lavorativa, si è allungata, stress e preoccupazioni legate alla carriera arrivano sempre prima.

La ricerca è stata fatta sui giovani dai 15 ai 35 anni provenienti da tutta Italia: una parte dei giovani ritiene sia necessario avere una maggiore flessibilità sugli orari lavorativi, e si suggerisce delle modalità per aumentare il benessere sul luogo di lavoro. Che cosa si intende per ‘benessere sul luogo del lavoro’ ? La promozione di attività di supporto per la prevenzione al benessere psicofisico, e di supporto alla maternità . Con l’introduzione dello psicologo all’interno delle strutture scolastiche si ritiene che la scuola non abbia informato nel modo corretto gli studenti sulle opportunità di assistenza psicologica, interne o esterne alla scuola stessa. Gran parte degli studenti riportano di risentire fortemente dei livelli di pressione del proprio istituto per l’ottenimento di buoni voti.

Ci sono anche i giovani lavoratori, dove nel mercato del lavoro sono già presenti, ma che non ricevono tutele e garanzie a sufficienza.

Come si è pensato di migliorare il Burnout? Per sostenere i giovani si stanno aumentando le ore di smart working arrivando ad ottenere più ore da dedicare a sé stessi.

Per arrivare al ‘successo’ certe cose richiedono sacrificio. Ma dovrebbero essere vissute con passione. Non è normale sentirsi cinici e stanchi nelle prime fasi di una carriera. Qualcuno di voi sta affrontando questa situazione? Diteci la vostra!

– A cura di Yuliet Panetti

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter di Italian Beauty Community, e ricevi direttamente nella tua casella di posta i nostri contenuti migliori!

Cliccando su "Iscriviti" acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali ai fini dell'invio della newsletter ai sensi di cui all'art. 2.2 della privacy policy
This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.